Ultimo aggiornamento: 16/07/2019 15:07:52 A+ A- A
Ordine degli ingegneri della Provincia di Lecce

Notizia in Evidenza
Torna Indietro
PIANO CASA, RET, PPTR: ORDINI E COLLEGI PROFESSIONALI IN REGIONE PER AZIONI COORDINATE

foto notizia

 

Chiarire ed uniformare gli strumenti urbanistici territoriali regionali vigenti e futuri. Questa la finalità del tavolo tecnico convocato dall’Assessore alla Pianificazione Territoriale - Urbanistica Alfonso Pisicchio a Bari, a cui in rappresentanza del nostro Ordine ha partecipato il consigliere Marco Pisanello, referente della Commissione Ambiente del Consiglio dell’Ordine di Lecce.

Alla riunione erano presenti i rappresentanti territoriali delle professioni tecniche e degli altri portatori di interesse, ANCI e ANCE.

Punto centrale all’ordine del giorno, il “nodo” Piano Casa, scaturito da una legge speciale, e che, rinnovato da dieci anni, ha subito periodicamente interventi di modifica e aggiustamenti, anche sulla scorta di sentenze della giustizia amministrativa. Allo stato, questi continui interventi sulla normativa finiscono con il generare confusione nella fase applicativa in tutti i soggetti interessati: uffici tecnici comunali, professionisti, cittadini, imprese.

Il Piano Casa è uno strumento che nell’ultimo decennio ha determinato indubbiamente un forte sostegno all’edilizia locale, ma al fine di evitare ulteriori stalli tecnico-amministrativi nell’applicazione, con il potenziale rischio di crisi ed incertezze, risulta necessario inserirlo in una pianificazione a lungo termine.

Per questo, entro la scadenza dell’ultimo rinnovo, il 31 dicembre di quest’anno, l’intenzione della Regione Puglia, rappresentata durante la riunione dall’assessore, è in prima istanza, ripensare la normativa creando uno strumento ad hoc che tenga conto delle modifiche intervenute negli ultimi tempi e, in seconda istanza, farla confluire, in apposito capitolo, nella “Legge sulla bellezza”.

Il coinvolgimento degli Ordini e Collegi professionali è fondamentale nell’esame e per le eventuali osservazioni sulla bozza che è in corso di predisposizione da parte degli uffici Regionali, prima del definitivo approdo in Giunta Regionale.

Quanto al secondo punto all’ordine del giorno, il RET, Regolamento Edilizio Tipo della Regione Puglia, similarmente, gli stessi uffici regionali nella predisposizione di una probabile circolare esplicativa chiariranno le definizioni e le trasmetteranno agli Ordini e Collegi professionali per i contributi del caso prima del passaggio in Giunta Regionale.

Nota dolente della discussione sui due argomenti accennati sono state le ridotte tempistiche concesse a Ordini e Collegi professionali per analizzare compiutamente i documenti che, secondo quanto rappresentato dallo stesso Ass.re Pisicchio, non saranno superiori a 48 ore.

Perplessità per tempi così stretti concessi all’attività dell’esame tecnico delle bozze, vista la delicatezza degli argomenti e le conseguenti ricadute sul territorio, viene espressa dal presidente dell’Ordine, ing. Raffaele Dell’Anna.

“Si tratta di interventi legislativi che a ragione e da più parti si vogliono definitivi e omogenei in materie complesse; pertanto, un plauso va alla Regione per aver affrontato e discusso in sede pubblica detti argomenti, ma non si comprende bene, almeno con gli elementi finora forniti, quale possa essere l’intersezione o l’affinità tra una Legge di carattere squisitamente urbanistico e una di carattere prevalentemente paesaggistico-ambientale, senza che ciò determini ulteriori stratificazioni burocratiche e di competenze, di cui non si sente proprio la necessità. Attendiamo, comunque, di conoscere i dettagli prima di esprimerci, confidando nella concessione di un arco di tempo maggiore per poter offrire alla stesura definitiva, compiutamente, il contributo delle categorie tecniche professionali”.

A margine della riunione, le categorie professionali hanno sollecitamente richiesto l’inserimento di un delegato degli Ordini e Collegi della Regione Puglia nella cabina di Monitoraggio del Piano Paesaggistico Territoriale e Regionale (PPTR), costituita con recente D.G.C. n. 1065 del 13.06.19 e formata dai dirigenti della Regione Puglia, Segretario generale Mibac, Direttore Arpa Puglia e rappresentanti delle tre Sovrintendenze pugliesi.

L’importanza della presenza delle categorie professionali nella cabina di monitoraggio scaturisce dall’opportunità di sottoporre il PPTR ad eventuali revisioni o misure correttive.

 

11/07/2019